0
Cultura In Primo Piano

Alla scoperta del Metaverso di Facebook

24 Ottobre 2021

Quando si tratta di Facebook, non amiamo informarci tramite le testate nazionali. Pensiamo sia meglio reperire le informazioni alla fonte.

Oggi vogliamo parlarvi del tanto discusso Metaverso di Facebook e, dopo un’attenta analisi delle notizie ufficiali del gigante blu (come amiamo chiamarlo), abbiamo deciso di mettere nero su bianco tutte le informazioni e dichiarazioni raccolte.

Andrew Bosworth (Facebook Reality Labs) e Nick Clegg (Global Affairs) parlano innanzitutto del “Costruire il Metaverso Responsabilmente“.

Che significa?

Il metaverso innanzitutto non sarà costruito dall’oggi al domani da una singola azienda. Fb collaborerà con responsabili politici, esperti e partner del settore per dare vita ad esso.

È stato annunciato un investimento di 50 milioni di dollari nella ricerca globale e nei partner di programma per garantire che questi prodotti siano sviluppati in modo responsabile.

Cos’è il Metaverso?

Il “metaverso” è un insieme di spazi virtuali in cui è possibile creare ed esplorare con altre persone che non si trovano nel tuo stesso spazio fisico. In questa prospettiva, saremo in grado di uscire con gli amici, lavorare, giocare, imparare, fare acquisti, creare e altro ancora. Non è questione di trascorrere più tempo online – si tratta di rendere il tempo che viene speso online più significativo ridimensionando il ruolo degli schermi piatti in favore delle esperienze tridimensionali.

Il metaverso non è un singolo prodotto che un’azienda può costruire da sola. Proprio come Internet, il metaverso esiste indipendentemente dal fatto che Facebook ci sia o meno. E non sarà costruito dall’oggi al domani. Molti di questi prodotti saranno infatti pienamente realizzati nei prossimi 10-15 anni. Sebbene ciò sia frustrante per quelli come noi, desiderosi di immergersi subito in questa dimensione.

Come stanno costruendo responsabilmente?

Lavoreranno con esperti del governo, dell’industria e del mondo accademico per riflettere su problemi e opportunità nel metaverso. Ad esempio, il suo successo dipende dalla creazione di una solida interoperabilità tra i servizi, in modo che le esperienze di aziende diverse possano lavorare insieme. Dovranno anche coinvolgere le comunità dei diritti umani e dei diritti civili fin dall’inizio per garantire che queste tecnologie siano costruite in modo inclusivo e responsabilizzante.

Ecco alcune aree chiave in cui opereranno con altri partner per anticipare i rischi:

Opportunità economiche: offrire alle persone più scelta, incoraggiare la concorrenza e mantenere una fiorente economia digitale;

Privacy: ridurre al minimo la quantità di dati utilizzati, creare una tecnologia per garantire la protezione della privacy e offrire alle persone trasparenza e controllo sui propri dati;

Sicurezza e integrità: proteggere le persone online e fornire loro gli strumenti per agire o ricevere aiuto se vedono qualcosa con cui non si sentono a proprio agio;

Equità e inclusione: assicurarsi che queste tecnologie siano progettate in modo inclusivo e in modo accessibile.

Presentazione dei programmi XR e del fondo di ricerca

C’è una lunga strada davanti. Ma come punto di partenza, Facebook ha annunciato l’XR Programs and Research Fund”, un investimento biennale di 50 milioni di dollari in programmi e ricerca esterna. Attraverso questo fondo, collaboreranno con partner del settore, gruppi per i diritti civili, governi, organizzazioni non profit e istituzioni accademiche per determinare come costruire queste tecnologie in modo responsabile.

Ecco alcuni dei partner iniziali:

• Collaboreranno con l’Organizzazione degli Stati Americani per la formazione professionale e lo sviluppo delle competenze per studenti e proprietari di piccole imprese;
In tutta l’Africa, stanno supportando Africa No Filter, Electric South e Imisi3D per i creators che hanno spinto i confini della narrazione digitale utilizzando la tecnologia immersiva attraverso “Amplifying African Voices”;
Con Women In Immersive Tech, supportano le donne e i gruppi sottorappresentati che guidano i settori della realtà virtuale, aumentata e mista in Europa.

Come parte di questo sforzo, stanno anche facilitando la ricerca esterna indipendente con istituzioni in tutto il mondo:

• La Seoul National University e l’Università di Hong Kong si stanno concentrando sulla ricerca in materia di sicurezza, etica e progettazione responsabile.
Il Centro per la Tecnologia, la Robotica, l’Intelligenza Artificiale e la
Legge presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Nazionale di Singapore studieranno altri argomenti come la privacy e l’uso dei dati.
La Howard University condurrà una ricerca per esaminare la storia della diversità nell’IT e come ciò potrebbe informare l’accesso e le opportunità economiche nel metaverso.

Facebook ha promesso che condivideranno più partner e aggiornamenti sui progressi man mano che il lavoro continuerà.

You Might Also Like